La mission di Officine di Cartigliano è di fornire al settore della concia le migliori tecnologie possibili per la parte finale della lavorazione della pelle. Nell’ottica di migliorare la relazione post vendita con i propri clienti, l’azienda si è rivolta ad EFA Automazione per implementare il modulo di teleassistenza Ewon su tutte le macchine di sua produzione. La collaborazione è poi proseguita con Ignition per la realizzazione di applicazioni Scada/MES ed HMI.

Download

Scarica la versione PDF della Storia di Successo

    Tradizionalmente, tra gli esempi di successo del modello distrettuale che caratterizza una parte rilevante dell’economia manifatturiera italiana c’è l’industria conciaria. È in Veneto, precisamente in provincia di Vicenza, che ha sede uno dei maggiori dipartimenti conciari del mondo, che si impone come il più importante a livello nazionale per produzione, numero di addetti e storia: qui la prima attività conciaria risale addirittura al 1300.
    Ed è proprio a Cartigliano (VI) che opera un’azienda metalmeccanica specializzata nel trattamento pelli: è Officine di Cartigliano S.p.A., nata nel 1961 con la missione di “nobilitare la pelle”.
    Oggi è presieduta dal dott. Antonio Polato, che ne gestisce le sorti assieme agli altri amministratori Lavinia Polao, Alvise Polato e Laura Bertacco.
    L’azienda, da sempre, ha fatto della ricerca e dello sviluppo l’asset strategico del proprio agire, riuscendo ad avere un ruolo di leadership nel proprio settore per 58 anni di fila, fin da quando, nel 1961, mosse i primi passi da una felice intuizione del Commendator Antonio Corner.

    Fornire la miglior tecnologia

    L’obiettivo di allora, e per un quarantennio, è stato quello di fornire al settore della concia le migliori tec-nologie possibili per la parte finale della lavorazione della pelle, nello specifico per quel passaggio delicato in cui la pelle passa dallo stato umido alla fase di rifini-zione. Nell’ultimo decennio, l’azienda ha deciso di avviare un processo di diversificazione che si qualifica come una filiazione della produzione principale legata al settore della concia, che resta comunque il core business aziendale. Sono state quindi derivate alcune tecnologie dal settore principale per applicarle ai pro-cessi di sterilizzazione e pastorizzazione in ambito alimentare e a un processo di essiccazione degli scarti nel settore ambientale.
    Gli impianti d’essiccazione per il settore conciario svi-luppati dalle Officine di Cartigliano sono di più tipi - sottovuoti, palissoni, tunnel Taic e LTD, essiccatori a radio frequenza - e sono pensati per tutte le tipologie di concerie.
    Per garantire una qualità elevata e costante è stato deciso di allestire in ognuna delle tre divisioni dell’azienda (pelle, ambiente e radiofrequenza alimen-tare) una sala prove a disposizione dei clienti.
    Pur essendo macchine soggette a una certa standar-dizzazione, risulta molto elevata la capacità di perso-nalizzazione degli impianti, per rispondere alle specifi-che esigenze di ogni cliente. In aggiunta a questo, Cartigliano svolge inoltre un importante e strategico ruolo nel post vendita, per offrire un’assistenza garan-tita in tutto il mondo.

    Una collaborazione di successo
    Proprio nell’ottica di voler migliorare la relazione post vendita con i propri clienti, Officine di Cartigliano si è rivolta a EFA Automazione per implementare il modulo di teleassistenza Ewon su tutte le macchine di sua produzione.
    “Nell’epoca del digitale e della connessione Internet eravamo alla ricerca di un prodotto che potesse colle-
    gare i nostri impianti installati in tutto il mondo alla Re-te, in modo da poter garantire assistenza ai clienti e risolvere eventuali problematiche nel modo più veloce possibile” spiega Laura Bertacco, Accounting and Hu-man Resources Director dell’azienda. “Da qui la colla-borazione si è fatta via via più intensa, in modo da es-sere presenti sul campo, risolvere le necessità dei clienti di ogni dove, dare risposte ma anche avere re-port di diagnostica che avrebbero reso al reparto assi-stenza dei feedback interessanti” prosegue la manager.


    I principali benefici riscontrati da Laura Bertacco, Accounting and Human Resources Director di Officine di Cartigliano S.p.A. nella collaborazione con EFA Automazione sono molteplici:

    • La teleassistenza ha dato benefici ai nostri clienti e di conseguenza a noi, sia per il tipo di interfaccia (flessibile) che si può realizzare sia per la diagnostica. A ogni feedback che riceviamo dai nostri clienti, scaturisce la volontà di collaborare per migliorare e raggiungere nuovi risultati
    • Il livello tecnologico raggiunto e la semplicità di eseguire upgrade dal punto di vista software/informatico, consente una buona flessibilità nella gestione delle eventuali problematiche che dovessero presentarsi
    • Siamo riusciti a raggiungere con soddisfazione gli obiettivi tecnologici che ci eravamo posti