Per il revamping di locomotori dedicati al trasporto merci, Automah ha scelto i pannelli operatore Exter Sun Readable di Beijer, che offrono visibilità eccellente con tutte le condizioni di luminosità.

Download

Scarica la versione PDF della Storia di Successo

    Buttapietra (VR), Italia

    Un settore che non conosce crisi: il revamping dei locomotori. Automah è un'azienda di Buttapietra, in provincia di Verona, che realizza il sistema di automazione e il software per i locomotori sottoposti a revamping. Negli ultimi due anni le richieste sono state crescenti. "Può sembrare un settore di nicchia, ma la verità è che ci sono aziende specializzate nel revamping di locomotori che operano in un mercato piuttosto esteso" racconta Andrea Peruzzo, direttore tecnico di Automah. "IPE Locomotori è un'azienda di Pradelle, in provincia di Verona, con cui collaboriamo da anni.

    Nella primavera del 2008 ci ha contattato per un progetto con esigenze specifiche. Si trattava di rinnovare e modernizzare un locomotore installando due pannelli operatore leggibili con tutte le con dizioni di luminosità, sotto la luce del sole intensa e anche al buio. Infatti il locomotore in questione presentava finestre su tutti i quattro lati: l'operatore si trovava quindi facilmente esposto ai riflessi della luce solare. Per farsi un'idea del problema, basta pensare a quanto può essere fastidioso il sole quando si guida l'auto. Anche la visibilità al buio però era un requisito altrettanto importante, in quanto gli operatori lavorano facilmente su turni e quindi si trovano a manovrare e guidare al buio. La scelta è ricaduta sul pannello operatore Beijer Sun Readable, uno dei pochissimi HMI sul mercato, se non l'unico, ad offrire questa funzionalità: una visibilità eccellente alla luce intensa come al buio."

    Quando si effettua il revamping, il locomotore viene smontato completamente e poi rimontato. Su ogni locomotore sono stati installati due pannelli operatore Beijer HMI 15 pollici Sun Readable, uno in posizione anteriore e uno posteriore. Sui pannelli vengono visualizzati tutti i parametri significativi del locomotore come per esempio: temperatura dell'acqua e dell'olio, pressione dell'olio, livello del carburante e dell'olio. Vengono inoltre monitorati velocità di marcia, tempi di percorrenza di tratte di linea, tempi di sosta, presenza operatore a bordo, frenature d'emergenza e vengono registrati tutti gli eventi.

    I dati sono raccolti da sensori installati su PLC a bordo macchina e salvati su schede di memoria. L'operatore del locomotore, dotato di una cabina comandi di nuova generazione, avrà la facoltà di copiare i dati provenienti dal locomotore, e registrarli giornalmente su memory card e sul sito internet, in una zona protetta e riservata su cui poter produrre grafici e situazioni sul funzionamento del locomotore. Il sistema di registrazione è anche dotato di un software per realizzazione di grafici rappresentativi degli eventi memorizzati. Sono stati scelti PLC Omron, già utilizzati in passato da IPE Locomotori, soprattutto per la loro robustezza. Prima del revamping e dell'installazione dei pannelli Beijer, tutti i dati venivano visualizzati singolarmente dai rispettivi indicatori analogici o digitali. I progettisti di Automah hanno realizzato il software che elabora i dati raccolti dai sensori e permette di visualizzarli e monitorarli. I l software offre anche la funzionalità di storico. "I pannelli Beijer sono stati apprezzati anche per la cura degli oggetti grafici. La barra grafica per esempio, o il tachimetro, risultano di facile e intuitiva lettura" racconta ancora Peruzzo.

    I locomotori di solito appartengono ad aziende come acciaierie, o cartiere, grandi aziende con magazzini estesi che trasportano la loro merce su rotaia e hanno la ferrovia in casa, nel senso che sono collegate tramite un tratto privato di strada ferrata alle ferrovie nazionali. Per il trasporto merci, l'azienda deve comporre il treno con i diversi vagoni carichi e trasportarlo con il proprio locomotore privato fino alla ferrovia nazionale, dove verrà agganciato da un locomotore abilitato dalle Ferrovie dello Stato. Si tratta infatti di locomotori con motori diesel e non elettrici, che non raggiungono alte velocità ma sono particolarmente robusti. A utilizzare questi locomotori sono anche le aziende che fanno la manutenzione sulle ferrovie nazionali. Le richieste di revamping sono crescenti. Prima di tutto c'è un fattore economico, perché un locomotore nuovo ha un costo molto alto, e rimodernarne uno vecchio è di gran lunga più conveniente. E comunque anche volendo investire su un prodotto nuovo, bisogna mettere in conto tempi di produzione molto lunghi.

    Ma continuare a usare macchine di vecchia concezione in ogni caso non conviene. Un locomotore ristrutturato con moderne tecnologie di supervisione e automazione offre grandi vantaggi in termini di sicurezza e di efficienza rispetto a macchine senza supervisione. "Il progetto è iniziato nel giugno 2008, quando abbiamo acquistato la prima coppia di pannelli operatori per il primo locomotore. La scelta è risultata azzeccata e il cliente si è mostrato molto soddisfatto. così la collaborazione è continuata e a oggi abbiamo già ristrutturato una decina di locomotori" racconta ancora Peruzzo. "Oltre alla visibilità, un'altra esigenza particolare avanzata dal cliente e che ha pesato molto nella scelta finale è stata quella di montare al locomotore e integrare nel sistema di supervisione due telecamere esterne, una anteriore e una posteriore, collegate tramite Ethernet IP al pannello operatore. Le telecamere permettono all'operatore di monitorare tutte le attività del locomotore, per esempio se il primo vagone è stato agganciato bene ecc. Per rispondere a questa esigenza, è stata apportata una modifica anche al software dei pannelli, per permettere di visualizzare in contemporanea le riprese delle due telecamere. Questa variabile infatti non era prevista dall'applicativo del pannello Beijer, ma in collaborazione con la EFA abbiamo raggiunto brillantemente questo obiettivo."

    La scelta è ricaduta sul pannello operatore beijer sun readable, uno dei pochissimi hmi sul mercato, se non l’unico, ad offrire questa funzionalità: una visibilità eccellente alla luce intensa come al buio.
    Quando si effettua il revamping, il locomotore viene smontato completamente e poi rimontato. Su ogni locomotore sono stati installati due pannelli operatore Beijer HMI 15 pollici Sun Readable, uno in posizione anteriore e uno posteriore.
    Sui pannelli vengono visualizzati tutti i parametri significativi del locomotore come per esempio: temperatura dell’acqua e dell’olio, pressione dell’olio, livello del carburante e dell’olio. Vengono inoltre monitorati velocità di marcia, tempi di percorrenza di tratte di linea, tempi di sosta, presenza operatore a bordo, frenature d’emergenza e vengono registrati tutti gli eventi.


    Il modello Exter 150-bl-sr è una soluzione perfetta che risponde alle esigenze degli yacht di lusso così come alle piattaforme di estrazione petrolifera.

    • Monitoraggio completo in ogni situazione
    • Tecnologie avanzate per alti standard di sicurezza
    • Funzionalità e design per tutte le applicazioni