Sicurezza garantita: eWON riceve le certificazioni ISO 27001 e ISECOM STAR

Approfondisci la notizia >>

PB Automation, system integrator attivo nell’ambito della building automation e nella fornitura di soluzioni per la gestione dell’energia, ha proposto ad Iren Energia, attraverso le controllate AEM Torino Distribuzione e Iride Servizi, la soluzione CitectSCADA per il telecontrollo dell’illuminazione pubblica di Torino.

Rivarolo Canavese (TO), Italia — Nata nel 1999 come realtà operante nel settore dell’automazione industriale e controllo di processo, la PB Automation si è presto rivolta al mercato della building automation e del telecontrollo, radicando la sua esperienza tecnica nel territorio della provincia di Torino e concentrandosi soprattutto sulle grandi opere pubbliche per le città; nel 2001, infatti, arriva la prima commessa importante in questa direzione: il rinnovamento e adeguamento degli impianti di sicurezza, antincendio, antintrusione, videosorveglianza (TVCC) e impianti tecnologici della Galleria civica di Arte Moderna e contemporanea (GAM) di Torino. La divisione Servizi Culturali – settore musei della Città di Torino ha affidato all’AEM di Torino (oggi Iren, nda) il compito di predisporre gli interventi riguardanti il rifacimento degli impianti e la realizzazione del sistema di sicurezza e controllo, che la Società ha realizzato in collaborazione con PB Automation, in qualità di system integrator, un sistema BMS in grado di soddisfare le specifiche esigenze. Alberto Baracco, titolare della PB Automation, ricorda con entusiasmo questo primo, importante risultato per la sua azienda: “Si è trattato del primo progetto di building automation di una certa rilevanza seguito dalla PB Automation; una vetrina autorevole e un banco di prova importante per noi che, in netta controtendenza con gli standard di quegli anni, abbiamo proposto all’allora AEM di Torino un sistema che non si riferiva ad un unico costruttore (sistema proprietario) bensì basato su tecnologie aperte: lo SCADA Citect insieme con PLC Saia Burgess”. Il vantaggio è immediatamente evidente, e appare in tutta la sua appetibilità per gli enti pubblici: con un sistema aperto si evita di vincolarsi ad un solo costruttore, con tutte le conseguenze del caso, e diventa possibile contenere i costi di realizzazione delle opere – fattore questo assai spesso determinante quando si vanno a coinvolgere le Pubbliche Amministrazioni ed i bilanci comunali.

Un system integrator attento alle esigenze del territorio

L’interazione con il Gruppo Iren, ed Iren Energia in particolare, ha successivamente permesso a PB Automation di occuparsi della realizzazione di altri interventi; tra questi, il sistema di automazione e monitoraggio di alcune dighe in alta montagna. Una sfida complessa, dal momento che si rendeva necessario esaminare le dilatazioni dei giunti, gli spostamenti planimetrici della struttura, i movimenti del calcestruzzo e le varie sottopressioni che si vengono a generare in determinate condizioni; tutte variabili complesse che richiedono la presenza di un sistema in grado di effettuare un’analisi predittiva sullo stato dell’impianto, confrontando in tempo reale i dati acquisiti con quelli provenienti dal modello matematico per capire se i movimenti della struttura rientrano nei parametri previsti dal progetto. I dati acquisiti sono archiviati e regolarmente inviati alle autorità competenti a garanzia del fatto che la struttura è affidabile in qualsiasi condizione. “Particolare soddisfazione ci è venuta anche dalla realizzazione del sistema di automazione e supervisione del Centro Ricerche di General Motors presso la Cittadella Politecnica di Torino, che si occupa della progettazione e dello sviluppo dei motori diesel e del futuro. O ancora, per tornare alla building automation, dal Museo dell’Automobile di Torino; anche qui abbiamo utilizzato il Citect per la supervisione”.

Citect e il controllo dell’illuminazione pubblica della città

Il fiore all’occhiello del portafoglio soluzioni di PB Automation è aver realizzato il sistema di telecontrollo dell’illuminazione pubblica della città di Torino, oggi gestita da Iride Servizi. “Si tratta di un’applicazione prestigiosa”, sottolinea Baracco. “Non solo per quello che rappresenta, ma anche per la sua strutturazione, per le problematiche che abbiamo dovuto affrontare a livello di ridondanza e per la sua complessità”. Se i prodotti di automazione vengono scelti ogni volta in base alle esigenze del cliente o dell’applicazione, il punto fermo rimane il sistema di supervisione: sempre Citect, nelle sue diverse declinazioni. La scelta del software è stata fatta in occasione del progetto di monitoraggio delle dighe confrontando Citect con i principali SCADA di mercato; dopo un’attenta analisi a livello tecnico e commerciale PB Automation ha deciso di adottarlo come soluzione preferenziale proprio in virtù delle sue caratteristiche di apertura e flessibilità, perché presentava integrati tutti i driver dei principali player di mercato e perché permetteva allo sviluppatore di avere disponibile anche in versione demo una piattaforma senza bisogno di acquistare licenze, abbattendo così di molto i costi di sviluppo.

Un sistema di supervisione affidabile e dai numerosi vantaggi

PB Automation utilizza il software Citect dal 1995, e ha avuto modo negli anni di conoscere il prodotto, sue funzionalità e di assistere alle diverse release di aggiornamenti e upgrade. Ad oggi, per quanto riguarda le esigenze applicative di PB Automation, CitectSCADA rappresenta la soluzione ottimale, che ha dimostrato sempre affidabilità e precisione nella gestione del flusso di dati. “Nelle applicazioni di telecontrollo abbiamo avuto modo di sfruttare appieno le potenzialità del clustering, che differenziano la soluzione Citect dalle altre presenti sul mercato, così come quelle che riguardano la ridondanza dei supervisori. Le problematiche da affrontare erano varie, complesse e interconnesse. Nel caso dell’illuminazione pubblica della città di Torino erano richieste per ragioni di sicurezza due sale server, composte da 8 server in hot-standby, oltre a due sale controllo con postazioni client separate. In questa maniera, a fronte di guasti in una delle due sale, è comunque possibile garantire l’ esercizio degli impianti. Come ricorda Baracco, esisteva già un sistema di telecontrollo, ma si trattava di un impianto divenuto ormai obsoleto, in servizio da più di 20 anni, i cui componenti non erano più reperibili né supportati dal costruttore; questo impianto era basato su soluzioni proprietarie, e così Iren decise di rinnovarlo. “Abbiamo presentato una soluzione completamente aperta, che consentiva ai tecnici di AEM Torino Distribuzione – Iren Energia di avere in mano il sistema e di intervenire in qualsiasi momento; il sistema poteva essere gestito, incrementato e ottimizzato in completa autonomia, un netto cambio di direzione rispetto alla soluzione precedentemente in funzione, che vincolando Iren ad un fornitore unico aveva reso più difficili le interlocuzioni e gli interventi, quanto meno in termini di tempistiche”. AEM Torino Distribuzione – Iren Energia ha così scelto di affidare l’appalto del telecontrollo dell’illuminazione pubblica di Torino a PB Automation, convalidando la fiducia in un sistema innovativo e affidabile.

25 anni di innovazione con Citect

“Ci riteniamo estremamente soddisfatti dalle performance di CitectSCADA”, conclude Baracco. “Qualche perfezionamento potrebbe andare ad applicarsi sul versante dell’interfaccia in ambito web per quanto riguarda i linguaggi supportati (Java, XML, ecc.), ma al di là di questi dettagli i vantaggi della soluzione Citect sono innegabili: le ridondanze, i driver integrati, l’apertura totale e soprattutto l’affidabilità”. La collaborazione tra PB Automation ed EFA Automazione – l’azienda responsabile della distribuzione dei prodotti Citect in Italia – è iniziata nel 1999 e continua tuttora. “Ci troviamo molto bene con EFA Automazione sia dal punto di vista tecnico che commerciale”, spiega Baracco, “poiché la loro è una realtà dinamica e snella proprio come la nostra. I tempi di risposta sono un termine di confronto molto importante e significativo, ed EFA ha ogni volta rispettato le nostre aspettative in merito”. CitectSCADA è stato impiegato anche per la rilevazione fumi degli uffici sede del WFP (World Food Program) di Roma, così come per i sistemi di sicurezza del Teatro Regio di Torino, dove si prende carico della gestione delle luci di emergenza e degli impianti forza-motrice così come della supervisione della rivelazione fumi. Per PB Automation EFA & Citect sono due partner validi ed affidabili, e le loro soluzioni versatili sono in grado di adattarsi ad ogni esigenza di automazione incontrata. Un rapporto solido che consente alle due realtà di affrontare insieme sfide sempre più articolate imposte da un mercato sempre più esigente dal punto di vista tecnologico e delle competenze.

© EFA Automazione S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati.
Questo documento è protetto dalla legge sul copyright. La riproduzione, anche parziale, del testo e delle immagini è strettamente vietata, sia essa in formato cartaceo oppure elettronico previa autorizzazione scritta di EFA Automazione S.p.A.  

EFA Automazione S.p.A.

Via Isola Guarnieri, 13
20063 - Cernusco sul Naviglio (MI)
Tel. 02 92 11 31 80
Fax 02 92 11 31 64
info@efa.it
C.F. 09531270156 | P.IVA 00964550966

Ricerca personale

Newsletter

Vuoi ricevere notizie sulle nostre attività e iniziative? Lasciaci la tua e-mail

Iscriviti alla newsletter

Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento e per migliorarne la fruizione.
Proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.