Rebernig Supervisioni ha negli anni instaurato un rapporto di reciproca fiduciacon EFA Automazione, abbracciandone le innovazioni tecnologiche e riuscendo a mettere in evidenza le potenzialità dei prodotti commercializzati personalizzandoli. La combinazione delle soluzioni di eWON e Inductive Automation ha contribuito alla realizzazione di impianti fotovoltaici dal controllo realmente web-based.

Bologna, italia— Prende avvio dalla più antica università del mondo occidentale la storia di un'azienda giovane e dinamica tutta italiana ma nient'affatto tradizionale, forte di una volontà di apertura a scenari sovranazionali e tecnologie rivoluzionarie: la Rebernig Supervisioni. Di stanza a Bologna, Rebernig Supervisioni opera a livello nazionale occupandosi di supervisioni fotovoltaiche e di LED lighting, principalmente; nell'affollato contesto dei system integrator riesce a distinguersi grazie a due importanti tratti caratteristici: la personalizzazione delle applicazioni gestite e l'entusiasmo nell'abbracciare le novità più ambiziose proposte dall'automazione industriale. Il titolare, Massimo Rebernig, si laurea nel 2007 in Ingegneria Elettronica presso l'Università di Bologna e viene abilitato dall'Alma Mater Studiorum a seguire alcuni progetti del corso di studi di Ingegneria. Sono tre gli ingegneri informatici seguiti da Rebernig e portati alla laurea, ed è con questo primo nucleo di giovani professionisti che prende forma l'idea di fondare una realtà che si occupasse di integrazione di sistemi con un'attenzione particolare alla Ricerca e Sviluppo dei progetti; l'ingresso di un ingegnere elettronico, di tecnici e di personale adibito alle operazioni di interfacciamento con i clienti completa il team della Rebernig Supervisioni, che se da un lato è da pochi anni sul mercato dall'altro dà continuamente prova di avere obiettivi ambiziosi.

Il fotovoltaico con una marcia in più

Il core business dell'azienda è costituito dall'analisi dei processi e supervisioni da remoto di impianti fotovoltaici. Il boom del fotovoltaico assieme con i numerosi incentivi del settore hanno contribuito a portare la Rebernig Supervisioni a monitorare 35 MW in tutta Italia, e a raggiungere la necessaria esperienza e stabilità per potersi focalizzare sulla ricerca, sviluppando così una tecnologia software da far girare a bordo dei prodotti forniti da EFA Automazione per interagire con gli impianti deputati alla produzione di energia. Nello specifico si tratta di Janis, un software sviluppato appositamente per i dispositivi eWON e dedicato al monitoraggio degli impianti fotovoltaici attraverso la comunicazione con inverter, contatori di energia e altri dispositivi; Janis è in grado di dialogare con tutte le marche di inverter, sensori di corrente i'Checker, numerosi contatori fiscali, dispositivi di interfaccia e sensori, e fa capo a una tecnologia innovativa come quella di eWON, caratterizzata da apertura, semplicità e utilizzo della rete Internet per la comunicazione. Un software sviluppato per le applicazioni realizzate dalla Rebernig che ora, proprio per merito di questa sua struttura "open", viene anche venduto singolarmente. "Janis è un prodotto dalle enormi potenzialità", spiega Massimo Rebernig. "Il nostro ambito operativo è nazionale, però le sue possibilità vanno ben oltreconfine: si appoggia ai router di eWON, una tecnologia che nasce in Belgio ma che viene impiegata in applicazioni in tutto il mondo, e si distingue dalle soluzioni proprietarie proprio perché permette di interfacciarsi con i più diversi dispositivi". Janis permette ai tecnici che non hanno le competenze necessarie per gestire pacchetti di dati complessi di tenere sotto controllo l'attività degli impianti fotovoltaici da remoto, quindi senza bisogno di andare fisicamente sul campo, semplicemente collegandosi a Internet; i tecnici possono così configurare le macchine che comunicano con gli inverter senza dover richiedere l'intervento di un ingegnere, e raccogliere dati operativi in pochi passi: basta configurare il software, lanciarlo e anche se non si è esperti informatici è possibile accedere a dati relativi all'attività di un impianto fotovoltaico.

Il rapporto umano che fa la differenza

Il rapporto tra Rebernig Supervisioni ed EFA Automazione è antecedente all'apertura dell'azienda bolognese. Ricorda Rebernig "Quando ero ancora libero professionista ho effettuato una ricerca in Internet, avevo necessità di trovare un software di supervisione particolare che rispondesse ad alcune mie esigenze, e ho trovato EFA Automazione". Il tecnico di EFA ha saputo comprendere il potenziale del system integrator e la proposta di allargare gli orizzonti operativi coinvolgendo una piattaforma di soluzioni innovativa come quella di eWON è venuta da sé. "L'ottimo rapporto che si è venuto a creare con il tecnico EFA e la solidità della struttura che aveva alle spalle, insieme con l'affidabilità dei prodotti eWON, mi hanno convinto. C'era un entusiasmo contagioso in quella proposta". I primi 500 KW gestiti dalla Rebernig Supervisioni costituiscono l'origine del rapporto di fiducia reciproca che si è instaurato tra le due realtà commerciali, in un certo senso un suggello di una relazione duratura e ambiziosa; per la prima volta in Italia, eWON veniva utilizzato per applicazioni legate al fotovoltaico. Mai avuto un problema, cliente e fornitore contenti, sfida raccolta e vinta: Rebernig, eWON ed EFA possono a ben vedere definirsi una squadra.
E proprio perché, come dice il proverbio, "squadra che vince non si cambia", Rebernig Supervisioni da allora ha sempre scelto di adottare le soluzioni eWON per la gestione ed il controllo delle proprie applicazioni. Non solo. La nuova sfida lanciata da EFA riguarda un prodotto rivoluzionario: uno SCADA web-based, Ignition di Inductive Automation, che si è aggiudicato nel 2011 il Duke's Choice di Oracle quale Software innovativo per l'automazione industriale; Rebernig non poteva non coglierne le straordinarie potenzialità.
"Si tratta di una realtà americana giovane e dinamica, che è riuscita a costruire un'architettura con una visione olistica dei dispositivi collegati, compresi smartphone e tablet, e capace di modificare la percezione che fino ad ora si è avuta degli SCADA; il software è potente e stabile, e l'interessante rapporto qualità/prezzo ci ha convinto ad effettuare lo switch off e a passare in alcune applicazioni a Ignition".
Ignition a detta di Massimo Rebernig è un Web-SCADA a tutti gli effetti, il primo disponibile sul mercato che coniuga la potenza di un software di controllo con la flessibilità di un framework Web. Con il vantaggio di non avere una licenza a tag, piuttosto fornendo variabili di controllo illimitate agli utilizzatori. Anche in questo caso il supporto fornito da EFA Automazione si è rivelato prezioso: "Ignition mi è stato segnalato dal medesimo tecnico che, anni fa, mi segnalò eWON. Nella sua voce ho ritrovato lo stesso entusiasmo di allora, e per questo motivo ho voluto credere nel prodotto. Abbiamo investito tempo e risorse per capire se effettivamente valesse la pena convertirci a Ignition e, ad oggi, posso dire che si è trattato di una decisione saggia".

Un futuro luminoso

Non solo fotovoltaico. La Rebernig Supervisioni parallelamente all'attività di realizzazione di soluzioni per impianti deputati alla produzione di energia si occupa anche di LED lighting, in collaborazione con la Pubblica Amministrazione. "Abbiamo realizzato e continuiamo a proporre soluzioni hardware e software per il settore dell'illuminazione pubblica. Anche in questo caso, i prodotti eWON sono sempre al centro dei nostri progetti; sono dispositivi davvero versatili e affidabili". Anche se il background tecnologico è molto diverso da quello del fotovoltaico, concettualmente i due scenari sono paragonabili: i router eWON servono sempre da bridge tra il sistema centrale e il campo, fungendo da collettori di informazioni sul territorio, compressione e trasferimento dei dati al sistema centrale.
Rebernig Supervisioni propone due linee di lampioni LED: Luxio, telecontrollato in radiofrequenza e dotato di profilo di illuminazione a bordo, funzionante anche in assenza di comunicazione radio, pensato per l'illuminazione di centri urbani, strade extraurbane, parcheggi, centri commerciali, zone verdi, aree esterne di edifici industriali; e Dolomiti, ideali per contrastare il problema degli sprechi della pubblica illuminazione, consentendo un risparmio energetico pari almeno al 50% rispetto alle vecchie lampade ad alta pressione (SAP), senza alcuna necessità di manutenzione. Inoltre la scheda di controllo Island 3.0, realizzata per la regolazione del flusso luminoso di alimentatori elettronici e moduli LED, configurabile attraverso un software dedicato e/o registri MODBUS e con profilo luminoso impostabile con auto-time.
"Per fare una metafora, se da un lato il fotovoltaico ci permette oggi di respirare aria fresca, dall'altro il LED lighting ci consentirà domani di continuare a respirarla; si tratta di prodotti nuovi, che da poco abbiamo inserito nella nostra proposta, e sono convinto che il loro margine di crescita e sviluppo sia buono". Del resto, il mercato del fotovoltaico è arrivato ad un punto di stallo: "Il mercato del fotovoltaico è concluso: la durata di un impianto è mediamente di 25 anni, e per parecchio tempo non credo se ne faranno di nuovi. Tuttavia, c'è un aspetto strategico da considerare: si tratta della manutenzione degli impianti già esistenti. Esistono parecchi impianti che ad oggi non funzionano al meglio perché non sono monitorati adeguatamente; si è avuta fretta di costruirli e metterli in funzione e ci si è dimenticati dell'importanza del loro controllo. Non c'è segnalazione di guasti o anomalie, non si sa quanto rendono e in cosa potrebbero essere migliorati, e si rischia di arrivare alla chiusura di un impianto perché non si è pensato di investire prima nel monitoraggio. Il telecontrollo è importante, anzi, è vitale per la gestione di un impianto. E sono molte le strutture che richiedono un'assistenza come la nostra, ovvero l'integrazione di soluzioni di telecontrollo nell'ottica di sfruttare al meglio le potenzialità del proprio impianto".
Infine, la Rebernig si occupa anche di applicazioni nell'ambito della building automation e della più "tradizionale" supervisione dei processi industriali, con lo sviluppo di sistemi di controllo di robot industriali, linee di produzione e apparati automatizzati. Una realtà versatile e attenta alle nuove tecnologie, ambiziosa e solida: il partner ideale di EFA Automazione.

© EFA Automazione S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati.
Questo documento è protetto dalla legge sul copyright. La riproduzione, anche parziale, del testo e delle immagini è strettamente vietata, sia essa in formato cartaceo oppure elettronico previa autorizzazione scritta di EFA Automazione S.p.A.  

EFA Automazione S.p.A.

Via Isola Guarnieri, 13
20063 - Cernusco sul Naviglio (MI)
Tel. 02 92 11 31 80
Fax 02 92 11 31 64
info@efa.it
C.F. 09531270156 | P.IVA 00964550966

Ricerca personale

Newsletter

Vuoi ricevere notizie sulle nostre attività e iniziative? Lasciaci la tua e-mail

Iscriviti alla newsletter

Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento e per migliorarne la fruizione.
Proseguendo nella navigazione acconsenti all’uso dei cookie.